Close
 
Nei materiali
   
Nel sito
Marmomacc 2015
Marmeria e FiloMena, L’insolito Marmo Il design di Luce di Carrara è protagonista al Marmomacc 2015 con due nuove creazioni, MARMERIA la libreria interamente in marmo, unica al mondo, disegnata da Archea Associati di Firenze, in anteprima assoluta a Verona, e FILOMENA, l’alzata in marmo di Baldessari&Baldessari.

In uno stand interamente progettato da Archea Associati di Firenze, Henraux Spa si presenta all’appuntamento con il Marmomacc di Verona 2015 con molte importanti novità che riguardano i propri materiali lapidei, quei marmi dell’Altissimo famosi in tutto il mondo per la bellezza, la preziosità e l’eccelsa lavorazione.

Verona vedrà in anteprima assoluta la presentazione di Marmeria, oggetto unico al mondo disegnato da Archea Associati di Firenze. Marmeria, che fa parte della linea design di Luce di Carrara, è la prima libreria realizzata interamente in marmo. Ulteriore anteprima è Filomena, disegnata da Baldessari e Baldessari, una piccola e straordinaria alzatina per il centro tavola che si trasforma, inoltre, in scultura.

Dalle cave al prodotto finito, la Henraux Spa di Querceta (LU) dal 1821 ad oggi è sinonimo di marmo, duecento anni di tradizione ed eccellenza, e una vita industriale fatta di successi in tutto il mondo, l’hanno resa azienda leader nel campo dell’escavazione e della lavorazione del marmo.
Dai materiali unici e preziosi delle cave dell’Altissimo, alla lavorazione degli stessi negli stabilimenti di Querceta per mano di maestranze d’eccellenza ed avanzatissimi sistemi robotizzati, la Henraux Spa è una fucina di idee e creatività.
A fianco della tradizionale attività lapidea per l’architettura sono nate negli ultimi anni le linee indoor e outdoor di Luce di Carrara, il brand che celebra la preziosità e la duttilità del marmo.
Luce di Carrara presenta una collezione di materiali lapidei e un insieme di oggetti e sistemi di arredo. Dai prestigiosi materiali al prodotto finito, a dimostrazione che il marmo, con tutte le sue variabili espressive e funzionali, rappresenta non solo la materia, ma la ragione della forma degli oggetti creati attraverso un concept e un design capaci di interpretare l’estetica di un materiale così unico e straordinario come quello delle nostre Apuane versiliesi, giacimenti marmiferi unici al mondo.

Oggi a Verona, in un display sorprendente, i visitatori potranno incontrare la grande installazione di Marmeria, ventiquattro metri lineari di libreria in marmo disegnata da Archea Associati di Firenze, che qui vede il suo debutto mondiale.  Questo è “L’insolito Marmo”: un’inaspettata libreria, composta da elementi in marmo bianco dell’Altissimo, che rende lo spazio, al tempo stesso, innovativo e tradizionale, metropolitano e di design, un trait d’union fra il mobile componibile e l’oggetto d’arte. I singoli elementi, da comporre in infinite configurazioni, usufruiscono delle opportunità associate alla scelta del marmo: la materia, i cromatismi, la tattilità variano dalla diversità del marmo alla lucentezza della finitura. Un sistema aperto che, attraverso la flessibilità combinatoria dei moduli, permette di ottenere un disegno e un’immagine sempre diversi. Gli elementi, realizzati in quattro diverse configurazioni geometriche per una profondità di 30,5 cm, una larghezza variabile dai 17 ai 29 cm, per un’altezza di 40 cm, consentono un montaggio per semplice sovrapposizione dei singoli elementi. L’altezza massima per ottenere una libreria autoportante senza ancoraggi al muro è di 200 cm mentre la larghezza è libera a seconda delle necessità. Il peso di ogni singolo elemento è variabile fra i 18 e i 22 kg: il peso di ciascuna fila della libreria è, quindi, di c.ca 80 kg a metro lineare.

Continua, invece, con FiloMena, nuova alzata centrotavola, il percorso di ricerca avviato da Michela e Paolo Baldessari con la collezione Filo per Luce di Carrara, dove lo spessore del marmo e le” forme aperte” ottenute assumono plasticità e levità in senso scultoreo.
Con FiloMena lo spessore della struttura e del piano è diventato esilissimo, appena 6 millimetri,una sorta di quintessenza materica,un gioco di forma,un nastro di marmo che sfida le potenzialità espressive del materiale.La base dell’elegante nuova alzata centrotavola è un gioco d’intreccio che i Baldessari usano con notevole gusto interpretativo,legandola al sottilissimo piatto di portata.

Nel segno della continuità con la collezione Filo anche l’azzeccato nome composto dato alla nuova alzata FiloMena, appunto,è un nome che rievoca le tavole generose e straordinarie e le magnifiche ricette dei dolci della tradizione italiana.

FiloMena sarà presente in anteprima alla Marmomacc nell’ambito del progetto "a tavola con il design, il marmo al centro, progetto per il centro tavola" nel padiglione culturale (Hall 1, “The Italian Stone Theatre”) di Marmomacc in un’area speciale per la ristorazione.